Contenuto principale

Sinistra premiata

Di Alfredo Ponticelli
Assessore dei Repubblicani Democratici al Comune di Napolidi Alfredo Ponticelli

Le elezioni amministrative appena trascorse hanno offerto una indicazione chiara e univoca dei valori che hanno ispirato i napoletani al voto. Credo, senza alcun dubbio, che dalle urne sia uscita una indicazione precisa per gli amministratori pubblici di tutti i partiti: i napoletani desiderano la governabilità che, riferita allíambito cittadino, significa una giunta forte e stabile, capace di amministrare effettivamente affrontando, e possibilmente risolvendo, i problemi della quotidianità; ma in grado anche di offrire alla città e alla gente progetti di sviluppo di pi˘ ampio respiro.
Da questo punto di vista non è casuale la riconferma di molte amministrazioni di centrosinistra, nei Comuni dove si è votato. Il dato deve far riflettere perchÈ, al di là delle polemiche di parte, dimostra che le amministrazioni uliviste, in generale, hanno saputo dare corpo e concretezza ai bisogni della gente. Personalmente è quanto rivendico anche nei tre anni di esperienza come assessore ai Servizi interni del Comune di Napoli, nella giunta guidata da Rosa Russo Iervolino.
Siamo consapevoli di aver affrontato il nostro lavoro con un impegno reale e mirato ai bisogni della città, nonostante i traguardi che ancora restano da raggiungere (Bagnoli e Napoli est) e le gravi difficoltà determinate in primavera dallíemergenza-rifiuti. Per quanto riguarda líassessorato di cui sono responsabile, díintesa con i dirigenti, ci siamo battuti per la riorganizzazione e líammodernamento della macchina burocratica comunale; abbiamo messo ordine in un settore delicato come quello della toponomastica; abbiamo modernizzato molti uffici attraverso un uso pi˘ razionale dei servizi informatici; abbiamo predisposto progetti di innovazione come la carta díidentità elettronica.
Soprattutto non ci siamo mai sottratti né al confronto con le altre forze politiche e con i cittadini, né alle critiche, anche quando siamo stati costretti ad affrontare situazioni difficili prodotte dal Governo centrale, come la drastica riduzione dei trasferimenti di risorse ai Comuni decisa nellíultima finanziaria.
E allora proprio dal voto arriva per noi un chiaro invito a proseguire sulla strada fin qui tracciata, attraverso uníazione amministrativa ancora pi˘ efficiente e veloce, eliminando qualsiasi sbavatura e puntando sui progetti di sviluppo per líarea orientale e quella occidentale della città: saranno le due sfide da vincere negli anni a venire per meritare la fiducia accordataci dagli elettori.

Dal Corriere del Mezzogiorno – Corriere della Sera del 6 luglio 2004